I piccoli dettagli che fanno la differenza

<Sara, ecco come pensavo di fare. Tenere il pavimento, portare i miei mobili e le foto e mettere quelle lampade belle luminose. I muri possiamo farli rosa?>

Caro cliente, lo so che cambiare pavimento costa, che quelli sono i tuoi mobili e ci sei affezionato e che quelle lampade e quella tinta ti piacciono tanto, ma sei sicuro sicuro che un cliente non si spaventerebbe a vedere un simile minestrone?
Sono sicura che ormai saprai benissimo anche tu che la gente compra più facilmente in un ambiente in cui si trova a proprio agio.

Il legno e i suoi infiniti colori

Partiamo da quei bei mobili di legno. Non ti sei accorto che hanno tre colori diversi? Uno è legno di pino (giallo) uno sembra quasi ciliegio (un bel rosso acceso!) e l’altro cos’è, pioppo, betulla, che è così chiaro? Tutti insieme non stanno molto bene insieme, non trovi?
Facciamo così, tienine due e cerchiamo di richiamarli con altri oggetti!

E se fanno a pugni?

Se ti sei trovato un posto in cui per esempio hai un soffitto di mattoni, scegliere una tinta rosa shocking può essere una scelta di marketing, ma difficile da gestire.
In un caso del genere è meglio puntare su muri anonimi, bianchi, luminosi, in modo da alzare un po’ il soffitto così pesante.

Il colore della luce

Non tutte le luci hanno lo stesso colore. Tralasciando i neon che siete abituati a vedere, che possono essere blu, verdi, rossi etc. anche le normali lampadine possono avere una luce più “calda”, ossia tendente al giallo, o più “fredda”.
Il colore della luce ha certamente un certo impatto sul complesso. Se useremo lampade di diverso tipo di certo si noterà! Proprio come si nota quando una lampadina è rotta.
Insomma basta poco per rendere migliore il vostro ambiente. E sono tantissimi i dettagli che si possono prendere ad esempio. Proverò a descrivervene alcuni!